Archivio dell'autore

di Antonio Borsa

Chiunque abbia scelto i colori nerazzurri sa bene che nulla è scontato. Per qualsiasi club al mondo una sfida contro l’ultima in classifica significherebbe tre punti, giocarsela invece contro i più forti del mondo no, regola valida all’80% per tutte, tranne che per l’Inter (altro…)

di Andrea Capogna

Quattro partite per entrare nella storia, quattro partite decisive per riscrivere la storia italiana. A soli due punti dal superare la Juventus di Capello, i bianconeri di Conte a quattro giornate dal termine della massima serie, cercheranno di arrivare a quota cento punti (altro…)

Buona Pasqua a tutti!

Pubblicato: aprile 20, 2014 da tifosisinasce in La polemica
Tag:

Buona Pasqua a tutti voi, amici di Tifosi si nasce (altro…)

di Antonio Borsa

La Juventus non sbaglia un colpo (e questo ormai era chiaro a tutti) ma ciò che più impressiona è il suo dominio tra le mura amiche (altro…)

di Gabriele Radaelli

Partita strana, quella di Parma. C’è grande attesa per la sfida che ha in palio i posti per la prossima Europa League. C’è attesa per verificare se l’Inter sia in grado di replicare la gara di Genova e se finalmente riesca a dare un minimo di continuità ai risultati positivi (altro…)

di Gabriele Radelli

Parma – Inter è la sfida di domani pomeriggio allo stadio Tardini. Incontro molto delicato per entrambe le squadre che sono divise in classifica da due soli punti. Inter 53 punti e Parma 51 rispettivamente quinta e sesta (altro…)

di Andrea Capogna (altro…)

di Ruggiero Distaso

Dunque, come sempre, salve a tutti, siamo arrivati alla resa dei conti e abbiamo il dovere di esaminare i singoli capi di imputazione come sono stati trattati dai giudici dei diversi giudizi per poi capire se ci siano o no anche gli estremi della imputazione di cui al 416 (altro…)

di Antonio Borsa

La Juventus è stata chiara: non si vende nessuno, semmai si compra. Evidentemente però per Antonio Conte i bianconeri non spendono abbastanza perchè, prima di firmare qualsiasi rinnovo di contratto, vorrebbe assicurarsi che l’anno prossimo si possa realmente lottare su tre fronti, quelli che contano però e non la piccola Europa League (altro…)

di Gabriele Radaelli

Come ogni anno, dal 15 aprile 1989, l’Inghilterra calcistica si è fermata la scorsa domenica per un minuto. Su tutti i campi di football, in qualunque divisione, si è osservato un raccoglimento commovente per onorare il ricordo delle 96 vittime della strage dell’Hillsborough durante la semifinale di Fa Cup tra Liverpool e Nottingham Forest, in quel lontano giorno di aprile (altro…)