luglio 2012

Il . sul calciomercato: ecco le attuali formazioni

di Antonio Borsa

Meno di un mese e si ricomincia: si riparte per una nuova, grandissima stagione di serie A. Facendo un piccolo quadro sulle operazioni di mercato, spiccano (altro…)

Non c’è pace per Antonio Conte: arrivano altre pesanti accuse

di Antonio Borsa

Non c’è pace per il Mister bianconero Antonio Conte, messo letteralmente spalle al muro dalle continue voci sul calcioscommesse: (altro…)

Un chiaro tentativo del Corriere di difendere la Juventus e di gettare fango sull’Inter? O è solo una svista?

di Antonio Borsa

Lancio una provocazione, ma giusto per capire dove si voleva arrivare. Lo stesso titolo è solo una provocazione, il Corriere dello sport ha una sua linea editoriale ed è giusto rispettarla, non ci sono prove per accusarla di malafede e come dico sempre, NESSUNO deve essere accusato senza una prova schiacciante. Eppure il titolo di apertura del Corriere dello sport di oggi mi ha dato davvero da pensare (altro…)

Nicoletti affonda la Juve: “Conte? Un vero bianconero, stessa etica”

Simone Nicoletti, giornalista di “fabbricainter.com” stuzzica la Juventus e soprattutto Antonio Conte, reo di avere la stessa “etica” della sua squadra:

“Ama la Juve (tanto quanto Lecce, il Bari, l’Arezzo, l’Atalanta no ed è cordialmente ricambiato e odiato), ma solo ora Antonio Conte può definirsi uno juventino vero. (altro…)

Le (tante) scimmiette Senesi

di Sal Hudson.

Penso che il titolo che ho voluto dare a questo articolo sia quello maggiormente adatto alla situazione creatasi. A Siena vivevano e vivono ancora oggi tante piccole scimmiette, primati dolci e innocenti. Prima che qualcuno possa travisare il contenuto della mia ultima frase, voglio fare una precisazione. Quando parlo di scimmie, mi riferisco a quelle di un popolare detto giapponese, le scimmie del “non vedo”, “non sento” e “non parlo”. Penso che a questo punto la metafora sia ben chiara. (altro…)

Troppi stranieri nel nostro campionato e troppi giovani in panchina, si rischia una pessima figura ai mondiali in Brasile.

di Antonio Borsa

Anche di fronte alla crisi, il calcio nostrano non cambia le sue tendenze: bisogna spendere, non importa come, ma bisogna farlo. Nonostante gli strenui tentativi da parte dei club di investire sulla primavera, con vari tentativi di formare una squadra B dove i giovani possono crescere e maturare, sono sempre gli stranieri a fare gola nelle folli spese del calciomercato estivo. (altro…)

“Juve, è come una barzelletta,conta solo il campo e non ciò che succede fuori?”

Oggi voglio farvi leggere un articolo di Giorgio Simonelli, giornalista de “il fatto quotidiano”:

Per quest’ultimo blog, prima di una pausa di una decina di giorni per un pezzo di vacanza, ho deciso di cercarmi dei guai, di attirarmi la più feroce antipatia di molti lettori. Non che finora abbia avuto solo tenerezze. Ma quello di cui oggi voglio parlare ci porterà ben oltre, perché andrà a toccare uno dei sentimenti più profondi dell’animo umano, il tifo calcistico. (altro…)

Europa League: scarso appeal, perché?

di Stefano Falcone.

Nella stagione 2012/13 inizierà un nuovo campionato, con le coppe europee annesse, ci sarà quindi la quarta edizione della UEFA Europa League, non proprio la competizione preferita dalle italiane, che in tre anni hanno fatto ben poco nonostante, alcune, avessero i numeri per arrivare lontano. (altro…)

La “partita perfetta” (video)

di Antonio Borsa

“Contro l’Inter, il 3-0 in casa loro, penso sia stata la nostra partita perfetta”.

La partita perfetta. Sembra il titolo di un grande film sul calcio, ed in effetti quella partita pullula di attori (Maggio) e registi (Rocchi). Nessuno vuole accusare il Napoli di aver “rubato la partita”, non è colpa sua se il direttore di gara Toscano è sempre in serata SFORTUNATA quando arbitra i Neroazzurri, si vuol solo cercare di capire cosa intendono i partenopei per partita perfetta. (altro…)

A cosa serve essere campioni se nessuno ti ricorderà mai con affetto?

di Antonio Borsa

«Il Paris Saint-Germain è un altro sogno che diventa realtà e un passo importante nella mia carriera. Sono molto felice di essere qui, volevo far parte di questo progetto e nella mia mente non ho avuto mai nessun dubbio. Voglio essere parte della storia di questo club e insieme festeggeremo i tanti trofei che porteremo a casa. Ringrazio Leonardo per avere reso possibile qualcosa che sembrava impossibile, avrò sempre un bel ricordo del Milan e di Milano. Li ringrazio e gli auguro tutto il meglio. Io ho dato il massimo nella stagione che sono stato lì. E’ un grande club e continuerà a fare bene anche senza di me».

Le solite frasi, le solite parole. (altro…)

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 174 follower